martedì 6 ottobre 2009

Il giusto mezzo




Non siamo di quelli che non hanno la televisione in casa, ma neppure di quelli che la tengono sempre accesa. Non siamo di quelli che non fanno guardare la tv ai bambini, ma selezioniamo molto tempi e modi; la sera si va a dormire con una favola o un aneddoto raccontato dalla mamma (ultimamente il rito prevede sempre la favola del brutto anatroccolo x Emma e se è ancora sveglia, una lettura per Olivia) o semplicemente con un buonanotte ( il papà è più sbrigativo!).
Non abbiamo voluto la parabola anche per non far avere un canale di cartoni sempre a disposizione, ma ora col digitale terrestre devo dire che anche una Olivia che è sempre stata teledipendente, non ne fa un uso spropositato.
Il papà gioca spesso con le bimbe alla playstation e guardiamo spesso cd o dvd con i nostri film preferiti. Sempre il papà ha deciso di regalare l'anno scorso la...oddio non ricordo come si chiama! Quell' affarino che tutti i bambini si portano in giro ovunque e giocano dicendo che stanno facendo matematica! Emma lo chiama il "computer piccolo".
Comunque io continuo a farla sparire e riapparire a seconda dell'utilizzo che vedo ne fanno (papà e figlia s'intende!) . Avrete capito che non siamo per l'eliminazione delle tecnologie, ma sabato abbiamo assistito ad una scena che ci ha lasciati allibiti. In una giornata di sole, in un ristorante in aperta campagna, due famiglie come la nostra, in piena gita fuori porta perciò, si siedono a tavola e aprono ai bambini, una sorta di apparecchietto tipo dvd portatile e li piazzano per tutto il pranzo lì davanti!!
Le nostre giocavano fuori su un albero di pero facendo finta che fosse casa loro e hanno anche fatto amicizia con una bimba di una delle comitive che dopo un pò è stata puntualmente richiamata dalla nonna ad entrare.
Ora io dico che quando è troppo è troppo, anche noi a volte abbiamo portato il computer in macchina in occasione di viaggi di 8/10 ore, ma piazzarli davanti ai filmini anche nelle giornate in cui si potrebbe stare con loro e condividere una giornata è assurdo! Immagino in casa!
Ecco in questi casi sono per l'eliminazione della tv!

6 commenti:

Laura ha detto...

Questo post avrei potuto scriverlo io. Sottoscrivo al 100%.

Claudia - La casa nella prateria ha detto...

Non capisco perché certa gente fa dei figli se poi non ha voglia di stare a tavola con loro...

Sybille ha detto...

Purtroppo quello che hai descritto tu non é un caso unico.
Noi la televisione non l'abbiamo, ma non significa che i ragazzi sono cresciuti senza sapere cos'é. La televisione l'hanno potuto guardare ogni tanto dalla nonna o dalla zia (il che significa che non é stata una cosa di tutti i giorni ma in certe occasioni). Spesso invece guardiamo dvd tutti insieme sul computer. Non avere la televisione non significa essere fuori dal mondo tecnologico, ma sicuramente facilita la selezione di cosa si guarda.Anche a noi "grandi" non manca, semplicemente perché siamo abituati cosí. Per le notizie bastano giornali, radio e internet.
Insomma é come con la nutella: se non ce l'hai in casa, é molto piú facile non mangiarla anzicché combattere contro se stessi :))

Lanterna ha detto...

Io sono rimasta basita quest'estate alle Cinque Terre. Ero in traghetto (a me il traghetto piace un sacco: ti fa vedere posti bellissimi in tutto relax) e mi stavo avvicinando alla scaletta per scendere. Sono passata di fianco a un paio di adolescenti che avevano il "computer piccolo" (come lo chiami tu) e ci stavano giocando come se fossero sul locale da Voghera in un qualsiasi mattino di pioggia. E invece c'era un tempo magnifico e un mare stupendo. Una rabbia...

Alessandra ha detto...

Si, sono d'accordo. Noi la teniamo spenta...meno male cheper noi grande c'è internet così almeno il tg me lo guardo da lì...

Heidi ha detto...

Grazie a tutte dell'appoggio, mi confortano almeno le mamme blogger!