martedì 1 dicembre 2009

Moments of being


Strano come si riescano a ritagliare momenti di vera pace così, all'improvviso, in una giornata caotica come solo Roma sotto l'acqua sa offrire.
Sotto un temporale diluviante ho fermato la macchina in un'area tranquilla, di fronte al parco vicino casa. Emma dormiva così placidamente perciò non ho voluto svegliarla per tornare a casa. Così con una delle mie riviste preferite (il catalogo Ikea 2010 rubato da casa di mamma) ho trascorso una magica ora di ozio e riflessione, con sottofondo una pioggia scrosciante, di fronte la natura in tumulto e un profumo di terra e alberi che entrava dallo spiraglio del finestrino.
Virginia Woolf definisce così i "moments of being": rari momenti di sguardo interiore durante la vita quotidiana, quando si riesce a vedere la realtà dietro le apparenze.
Buona settimana, la più bella, perchè pregna ancora della vera atmosfera natalizia, in cui ci si prepara alla festa, ma che è ancora lontana dalla frenesia dell'ultimo momento.

2 commenti:

Laura ha detto...

Sai che anch'io ho parlato di moments of being (o epiphanies) in un mio post. Sono momenti impareggiabili e assolutamente necessari. Dobbiamo fare in modo che la vita frenetica che viviamo non ci distolga da questi momenti di pienezza assoluta.

raffa ha detto...

mi si e' apero una porta..in fondo cosa costa fermarsi e riflettere...pensare..prendersi dei momenti speciali.A pensarci l'ho fatto poche volte sono sempre alla ricerca di qualcosa da fare e invece....grazie per lo spunto